Aethernal Vol. 1

(15 recensioni dei clienti)

6.90

Nel ventiquattresimo secolo la sete di sangue dell’uomo decimerà la popolazione terrestre mediante il quarto conflitto termonucleare.

Cacciato dalla sua stessa casa, il genere umano si rifugerà nelle arkae, soffocanti bunker costruiti per ospitare megalopoli sotterranee, governate e soggiogate dai patriarchi.

Un gruppo terroristico contro il patriarcato, le “Cicale”, lotta per liberare Æthernal, la capitale delle arkae…
Mentre un ragazzo, un cane randagio, brama vendetta.

Dalla disturbante creatività del visionario Luca Maffia, arriva l’acclamato shonen cyberpunk.
Verso Æthernal, vi attende un viaggio di sola andata.

Ricordiamo che tutti i prodotti acquistati assieme ad una prevendita, saranno spediti al momento del rilascio della prevendita.

Categorie: ,

Descrizione

Di Luca Maffia (NEROInk.)

Data di uscita: 11 Marzo 2019
Genere: Thriller/Sci-Fi/CyberPunk
Formato: 11.5 x 17.5
176 Pagine

ISBN: 978-88-942394-9-2
Colori: BN/Colore
Costina: 1,2 cm
Copertina: 300 gm lucida
Carta: 120 gm bianca
Rilegatura: Brossura fresata

15 recensioni per Aethernal Vol. 1

  1. Stefania

    Nelle arkae, claustrofobiche megalopoli sotterranee, vivono i patriarchi, dall’animo spietato, cinico e disumano. In un mondo in cui giace la distruzione, plasmandosi in innumerevoli sfumature, si presenta Weiss, ragazzino di 15 anni che ha vissuto la sofferenza sulla propria pelle. Persone indifese morte, sangue versato in modo brutale. Il dolore e la rabbia si fondono in sincronia: Weiss vuole vendicarsi. Durante il tragitto conoscerà le cicale, un gruppo terroristico che vuole liberare AEthernal dai patriarchi. La storia di Luca Maffia comincia fin da subito in modo tagliente e spietato, proiettandoci in un mondo cyber che di umano non ha proprio nulla. L’unico frammento di amore proviene dal protagonista, nei confronti di sua madre.
    Weiss, tuttavia, non conosce davvero se stesso: col progredire della storia, scoprirà qualcosa di sconvolgente e traumatico, andando a sconvolgere i piccoli tasselli che stava cercando di unire per vendicarsi. Nei meandri oscuri del mondo cyber, qualcuno avrà un piano macabro e raccapricciante.
    La storia si introduce in modo lineare e fluido, proiettando il lettore in un’atmosfera a dir poco coerente e suggestiva. I disegni, decisamente ben realizzati, permettono di visualizzare le vicende come se si stesse guardando un anime (sarebbe perfetto, sinceramente). Le introduzioni dei personaggi, con i loro dettagli psico-fisici, hanno contribuito ulteriormente alla ricchezza dei contenuti. Le uniche pecche che sento di esporre sono i refusi grammaticali.
    AEthernal, tuttavia, è una storia che promette bene e ha un grande potenziale. Ne approfitto per complimentarmi con Luca, autore del fumetto, che ha creduto nelle sue capacità e ha portato avanti questo lavoro con grande tenacia.

  2. Carolina

    Nel ventiquattresimo secolo la sete di sangue dell’uomo decimerà la popolazione terrestre mediante il quarto conflitto termonucleare. Cacciato dalla sua stessa casa, il genere umano si rifugerà nelle arkae, soffocanti bunker costruiti per ospitare megalopoli sotterranee, governate e soggiogate dai patriarchi. Un gruppo terroristico contro il patriarcato, le “Cicale”, lotta per liberare Æthernal, la capitale delle arkae… Mentre un ragazzo, un cane randagio, brama vendetta.

    Questo fumetto ha uno stile particolare, un tratto deciso e di grande impatto visivo in grado di trasmettere tutta l’angoscia e la paura insita nella società umana. Siamo nel 2340 quando la popolazione, spaventata e privata della propria libertà dopo l’attacco termonucleare, si rifugia in bunker sotterranei creando delle vere e proprie metropoli sommerse, smettendo di rivedere per sempre la luce del sole, ormai soggiogata dai patriarchi, uomini-dei che con il sangue, le armi e le catene impongono il loro dominio. C’è forse una velata denuncia sociale dietro queste immagini o l’autore ha solo impresso nelle tavole tutto il suo pessimismo, accentuato dai toni di colore che adopera come il nero, il verde, il rosso … dai tratti marcati che usa in alcuni punti, dagli occhi sbarrati dei personaggi, dalla presenza di armi, scene di combattimenti, teschi. Quello che mi ha impressionato maggiormente è che l’autore è stato abilissimo a trasmettermi una sensazione di impotenza da parte della popolazione che sembra un automa, priva di volontà decisionale, totalmente in balia dei tiranni che hanno completamente soggiogato gli uomini, inducendoli a credere che la libertà sia un bene superfluo. L’unico barlume di speranza è riposto nelle “Cicale” e in Weiss, che brama vendetta e reclama la sua libertà. Il volume, che è il primo di due, è ricco di immagini, capitoli e approfondimenti sui vari personaggi. Ho letto il fumetto con un sottofondo musicale, che mi ha aiutato maggiormente ad immergermi nella storia e potete farlo anche voi, scansionando il codice QR presente nel volume, una vera chicca offerta ai lettori da questa fantastica casa editrice. Inoltre la qualità della stampa è elevata e le pagine hanno una carta spessa.

    Consiglio vivamente la lettura di questo fumetto distopico, a carattere politico-sociale, affascinante e estremamente coinvolgente.

  3. Jeyb8 (Giada)

    . “Aethernal” è un fumetto shonen Cyber-punk davvero molto particolare, una storia di ribellione per la sopravvivenza. Come per gli altri volumi editi dalla Upper Comics ci troviamo davanti a un’opera davvero curata: rilegatura Brossura fresata, ottima anche la rilegatura per non parlare della grande qualità della carta. I disegni all’interno del volume sono in bianco e nero ma si alternano con alcune tavole a colori davvero pazzesche, dai colori molto vivaci. Nelle prime pagine dopo il pensiero dell’editor che trovo davvero straordinario, vi è sempre il QR code da poter scansionare per avere un sottofondo musicale adatto a immergersi ancor di più nella storia. Trovo davvero bellissimo l’affiatamento che vi è tra gli autori della casa editrice che nelle loro opere si regalano a vicenda delle illustrazioni delle loro opere. Sinceramente non sapevo davvero cosa aspettarmi da questo volume pur essendomi innamorata fin da subito della copertina e devo dire che ne sono rimasta davvero molto contenta. “Aethernal” è un fumetto sicuramente non semplice ma con una storia davvero molto intrigante consigliato soprattutto a chi ama il genere distopico (fantascienza post-apocalittica) e cyber-punk. Le tavole di Luca Maffia mi hanno coinvolto tanto, mi sono ritrovata più di una volta persa tra le illustrazioni perché non riuscivo a distogliere lo sguardo. Se penso che si tratta di un giovanissimo illustratore, nato nel 1998, ancora non riesco a crederci. Le tavole sono molto dinamiche, anche se talvolta possono apparire un po’ confusionarie ma questo perché man mano che il lettore si addentra nella storia, viene sganciata una vera bomba a orologeria che spiazza completamente il lettore. Luca Maffia nelle sue tavole dimostra del grande potenziale e sono certa che in futuro diventerà sempre più bravo tanto da diventare una grande figura nel panorama fumettistico (gli auguro davvero il meglio). La storia è ambientata nel futuro anno 2340, dove un conflitto termonucleare soccombe l’intera umanità costringendola a vivere sotto terra in giganteschi bunker chiamati Arkae. Il clima è molto teso perché l’umanità è dominata dai Patriarchi (metà uomini e metà dei). Questi dittatori così mi piace definirli, non hanno alcun interesse per l’umanità, soprattutto per il concetto di libertà tematica ben sviluppata. Per fermare il dominio dei Patriarchi entrano in gioco “Le Cicale” un gruppo terroristico formato da giovani criminali armati d’intelletto e potenza fisica. Nel primo volume faremo la conoscenza del protagonista Weiss che quattro anni prima dell’inizio della nostra storia ha perso le persone che amava: lui si è salvato inspiegabilmente.

    “Anche a costo della mia stessa vita. Voi Pagherete!”

    Instagram: jeyb8
    Weiss vuole vendetta e proprio quando pensa di riuscire nel suo intento accade qualcosa d’inspiegabile. Si troverà nel nascondiglio delle Cicale ma verrà alla conoscenza di un terribile segreto, il segreto della sua esistenza! Non dico altro perché farei spoiler e non lo amo ma sono super curiosa si scoprire come si evolverà la storia!

  4. Sabrina Pennacchio

    Anche per questo volume la casa editrice ha consigliato una colonna sonora che ho ascoltato durante la lettura e che mi ha aiutato tantissimo ad entrare ancor più nelle vicende come se stessi guardando un film o un anime.
    Nel volumetto ci sono anche degli inseriti a colori meravigliosi che rendono lo stile di disegno di questo volumetto anche più belli.
    Ma di cosa parla il primo volume di Aeternal?
    Anche qui non ci dilungheremo troppo nelle vicende per evitare spoiler ma narreremo le nozioni basilari della trama e le sensazioni che il volume mi ha donato.
    In un mondo futuristico cyberpunk, il piccolo Weiss assiste per la prima volta a quella che è la imminente distruzione terroristica del suo distretto.
    I piani alti decidono di purificare Aeternal per la sicurezza e la prosperità del genere umano.
    Weiss non capisce cosa stia accadendo ma ricorda perfettamente le parole di sua madre:
     
    “Non temere, piccolo mio. Un giorno tutto ti sarà chiaro.”
     
    Passano anni ma Weiss ancora non ha trovato quelle risposte.
    Nell’anno 2340 il quarto conflitto termonucleare della storia spazzò via il 99,7% della popolazione terrestre, rendendo la vita impossibile.
    I sopravvissuti si rifugiarono in bunker appositi, in attesa di poter tornare in superficie.
    Nell’anno attuale, Weiss è ormai un adolescente e si licenzia dal lavoro mal pagato e maltrattato, incamminandosi nella ricerca delle risposte che ancora cerca.
    Durante la parata che si tiene quel giorno, resta coinvolto nella missione terroristica delle Cicale, un gruppo di ragazzi che vogliono ripristinare la libertà a Aeternal.
    Tutto quel tumulto di emozioni risveglierà in Weiss una consapevolezza macabra e crudele di un “io” nascosto del quale non era a conoscenza.
    Uno stile di disegno impressionante e non solo per lo stile ma anche forte, specialmente per una suggestionabile come me.
    Un’atmosfera apocalittica che piacerà sicuramente a tutti gli appassionati del genere. Non è propriamente il mio genere di lettura e quindi probabilmente non l’ho apprezzato come avrei potuto…
    I disegni sono caratterizzati da una buona inchiostrazione e retinatura non eccessiva, uno stile di colorazione che adoro.

  5. Un tè con la Palma

    Come si deduce dalla scheda tecnica, ci troviamo in un contesto primeggiato dalle tecnologie più avanzate ma (aggiungerei) viene descritto una ipotetica realtà distopica del mondo. Ci troviamo nel 2340 dopo il quarto conflitto termonuclare con quel poco che rimane della popolazione devastata fisicamente e psicologicamente. Come la realtà ci insegna, alcune entità chiamati Patriarchi hanno scelto di guidare le genti sotto una dittatura fatta di sottomissione e totale devozione, annullando completamente ogni potere decisionale. Zero reazioni… o forse no?

    Tra i “superstiti” troviamo un ragazzino rimasto solo e iniettato dal sentimento più antico: la vendetta. Questo stato d’animo ha reso la sua vita un continuo sopravvivere fino al fatidico giorno dove il suo malessere troverà finalmente pace.
    Il piano è pronto!!!
    Come in tutte le guerre che si rispettano è presente una forma di “resistenza”, in questo caso fatto da ex soldati o personaggi dalle doti estremamente violenti. É molto evidente la propensione allo shonen, sia per la tematica che per il “clima” che si respira. Fin dall’inizio è presente un’atmosfera soffocante per amplificare la situazione estrema e lo spessore di ogni singolo evento. A tratti vi sentite con il fiato sospeso, consci di colpi di scena successivi. É molto semplice sentirsi parte integrante di una missione così grande e grave.

    Per completare il cerchio, avremo modo di conoscere le “Cicale”: una squadra che possiede un’obiettivo ben preciso intrecciandosi, senza volerlo, alla vita del protagonista. Ovviamente concludendo con due grandissimi momenti di hype che precedono il volume conclusivo.

    Cosa ne penso? Trovo che la “protezione italiana” non possiede nulla di meno dello stile giapponese perché le tavole illustrate da Luca Maffia sono vibranti, in continuo movimento e mutevoli in base al nostro punto di vista. Troverete molto gioco “visivo” piuttosto che grandi discorsi volutamente mancanti per concentrare l’attenzione sulle diverse azioni. Ho apprezzato l’alternanza dei “dossier” a colori per illustrare i diversi personaggi con note utili per il lettore. Confermo la scelta positiva del tema di fumettisti della casa editrice con le diverse interpretazioni (fan art) a proprio uso e stile, unito alla playlist super abbinata.
    Sono consapevole che la storia può non toccare tutte le corde femminili ma l’impronta noir e tetra, riesce ad emozionarvi e farvi appassionare all’opera.

    Alcune noti pro e contro a livello tecnico: avendo diverse tavole “piene” sono felice della scelta “cartacea” perché non proietta l’immagine sul retro, lo spessore corposo offre una buona lettura finale ma occhio al testo impaginato in maniera scorretta in diversi punti troppo vicino all’attaccatura del dorso. Pagine spesse, maggior rigidità del fumetto che proietta una minima apertura producendo uno spiacevole inconveniente delle parole inghiottite.
    Per il resto sono rimasta piacevolmente colpita e ammaliata.

    Alla prossima dalla vostra CAPPELLAIA MATTA.

  6. Palma (Un tè con la Palma)

    Come si deduce dalla scheda tecnica, ci troviamo in un contesto primeggiato dalle tecnologie più avanzate ma (aggiungerei) viene descritto una ipotetica realtà distopica del mondo. Ci troviamo nel 2340 dopo il quarto conflitto termonuclare con quel poco che rimane della popolazione devastata fisicamente e psicologicamente. Come la realtà ci insegna, alcune entità chiamati Patriarchi hanno scelto di guidare le genti sotto una dittatura fatta di sottomissione e totale devozione, annullando completamente ogni potere decisionale. Zero reazioni… o forse no?

    Tra i “superstiti” troviamo un ragazzino rimasto solo e iniettato dal sentimento più antico: la vendetta. Questo stato d’animo ha reso la sua vita un continuo sopravvivere fino al fatidico giorno dove il suo malessere troverà finalmente pace.
    Il piano è pronto!!!
    Come in tutte le guerre che si rispettano è presente una forma di “resistenza”, in questo caso fatto da ex soldati o personaggi dalle doti estremamente violenti. É molto evidente la propensione allo shonen, sia per la tematica che per il “clima” che si respira. Fin dall’inizio è presente un’atmosfera soffocante per amplificare la situazione estrema e lo spessore di ogni singolo evento. A tratti vi sentite con il fiato sospeso, consci di colpi di scena successivi. É molto semplice sentirsi parte integrante di una missione così grande e grave.

    Per completare il cerchio, avremo modo di conoscere le “Cicale”: una squadra che possiede un’obiettivo ben preciso intrecciandosi, senza volerlo, alla vita del protagonista. Ovviamente concludendo con due grandissimi momenti di hype che precedono il volume conclusivo.

    Cosa ne penso? Trovo che la “produzione italiana” non possiede nulla di meno dello stile giapponese perché le tavole illustrate da Luca Maffia sono vibranti, in continuo movimento e mutevoli in base al nostro punto di vista. Troverete molto gioco “visivo” piuttosto che grandi discorsi volutamente mancanti per concentrare l’attenzione sulle diverse azioni. Ho apprezzato l’alternanza dei “dossier” a colori per illustrare i diversi personaggi con note utili per il lettore. Confermo la scelta positiva del tema di fumettisti della casa editrice con le diverse interpretazioni (fan art) a proprio uso e stile, unito alla playlist super abbinata.
    Sono consapevole che la storia può non toccare tutte le corde femminili ma l’impronta noir e tetra, riesce ad emozionarvi e farvi appassionare all’opera.

    Alcune noti pro e contro a livello tecnico: avendo diverse tavole “piene” sono felice della scelta “cartacea” perché non proietta l’immagine sul retro, lo spessore corposo offre una buona lettura finale ma occhio al testo impaginato in maniera scorretta in diversi punti troppo vicino all’attaccatura del dorso. Pagine spesse, maggior rigidità del fumetto che proietta una minima apertura producendo uno spiacevole inconveniente delle parole inghiottite.
    Per il resto sono rimasta piacevolmente colpita e ammaliata.

  7. robertapap2497

    Parliamo del bellissimo, spettacolare e super wow manga di Luca Maffia “AETHERNAL”.
    DISEGNI SPETTACOLARI, STORIA DA URLO E COPERTINA DA 100 SU 10, SEMPLICEMETE UNO SPETTACOLO, SE GLI ALTRI ERANO BELLI, BEH QUESTO E’ INDESCRIVIBILE, OK SONO UFFICIALMENTE UNA FAN DI LUCA MAFFIA.
    Ma torniamo a noi, torniamo seri e composti.. come già fatto con i precedenti, anche di questo inserirò una piccola trama e un mio semplicissimo e breve pensiero su tutto ciò che comprende il manga in questione.
    Andiamo con la trama:
    Anche in questa storia ci troviamo in un’ambientazione futuristica, anzi per meglio dire post conflitto termonucleare. Siamo nell’anno 2340 e l’uomo viene cacciato dalla sua stessa casa, costretto a scappare dalla superficie a causa della guerra nuclere, il genere umano si rifugerà nelle arkae, soffocanti bunker costruiti per ospitare megalopoli sotterranee, governate e soggiogate dai patriarchi (essere spietati che bramano il potere supremo e non ci pensano 2 volte a sterminare una popolazione intera).
    A bramare vendetta abbiamo un gruppo terroristico le “Cicale”, che lotta per liberare AEthernal, la capitale delle arkae dalla tirannia dei patriarchi. Insieme a loro, nell’ombra un ragazzo brama vendetta per la strage e distruzione che ha dovuto subire e vivere in prima persona da bambino. E non esiterà neanche un momento, se ne avrà la possibilità di uccidere con le proprie mani un patriarca anche a costo di perdere la vita.
    Già come narra la trama, la storia in se è molto intrigante, racchiude un vero intreccio e soprattutto h un’ottima narrazione, la storia in se non è banale e sa tenere altissima l’attenzione del lettore, questo grazia, oltre alla storia, anche alle meravigliose vignette che sanno essere un vero spettacolo per gli occhi di un otaku. Io che AMO FOLLEMENE questo genere, questo manga non può non mancare completo nella suo splendore nella mia libreria, e sono certa di una cosa, miei amatissimi lettori, anche voi lo AMERETE FOLLEMENTE…

  8. alexandra.zaccaria46

    Recensione completa su blog.opinio-nerd
    Un manga con ambientazioni Sci-Fi/ Cyber-punk tutto italiano.

    Ci troviamo in un ambiente post apocalittico, con una fazione al comando e la ribellione di un gruppo terroristico chiamato “Le Cicale”.

    Pensare che l’autore abbia la mia stessa età mi ha fatto rimanere a bocca aperta, ha un talento davvero particolare. I disegni sono curati, dinamici e a tratti un po’ confusionari ma in linea con ciò che deve sprigionare effettivamente il volume del manga.

    La playlist all’inizio è sempre un tocco di classe e ormai mi sono abituata ai personaggi presentati a colori via via che si prosegue con la lettura.

    Dunque grazie anche a questa chicca i personaggi non ci appaiono piatti e di cui sappiamo ben poco ma possiamo amarli e odiarti, comprenderli e compatirli.

  9. ilmioaomoreperilibri

    Il mio amore per i libri

    Buongiorno Lovers, oggi torno con un recensione sempre in collaborazione con Uppercomics, che ringrazio per l’invio della coppia in omaggio del manga.

    Ancora una volta Uppercomics ci propone un shonen cyberpunk dove l’umanità si e vista costretta a vivere nelle arkae ,delle metropoli sotterranee sotto il dominio dei Patriarchi, degli esseri spietati e disumani con sembianze mostruose.

    In mezzo a tutto il caos e alla distruzione, spicca il nostro personaggio Weiss, un ragazzino di 15 anni che vuole vendicarsi per la propria sofferenza, che anni prima ha provato sulla sua pelle. La strada di Weiss incrocerà quella di un gruppo terroristico chiamato “Le cicale ” che da anni combattono contro il sistema dei Patriarchi con l’intenzione di liberare Aeternal dal loro dominio, fatto di sangue, morte, dolore e paura.

    Tuttavia il nostro protagonista non sembra conoscere molto bene se stesso e in un momento di rabbia vera a gala una parte di lui che non conosceva, portandolo a scoprire una dura verità sulla sua esistenza.

    “Aethernal” introduce il lettore in un mondo oscuro, fatto di menzogne, scene macabre e sanguinolente a tratti incoerente, con dei disegni ben realizzati, che lascia un lettore soddisfatto per la sua scelta. I personaggi sono rappresentati in modo dettagliato sia per quanto riguarda i loro caratteri ma anche dal punto di vista psico-fisici. Le uniche note negative riguarda i dialoghi, perché spesso si riscontano dei refusi grammaticali, mentre l’impaginazione mangia alcuni disegni redendo la loro lettura molto difficile.

    Questo primo volume mi e piaciuto molto e non vedo l’ora di leggere anche il seguito per scoprire come andrà a evolversi la storia.

  10. virginia.mari

    Siamo nel futuro, anno 2340.
    In seguito al quarto conflitto termonucleare, il genere umano sopravvissuto si trova costretto a vivere sotto terra, in giganteschi bunker chiamati Arkae e ad essere dominato dai “Patriarchi”, creature metà uomini e metà Dèi.

    In questo regime totalitario la libertà individuale viene completamente soppressa ma un gruppo di criminali dalle importanti doti fisiche e mentali chiamato “le cicale” si ribella lottando contro il patriarcato al fine di liberare la popolazione di Aethernal.

    “Aethernal” è un manga shōnen (lett. “ragazzo”), una categoria indirizzata principalmente ad un pubblico maschile, a partire dall’età scolare fino alla maggiore età.
    Le tavole sono per la maggioranza in bianco e nero ed estremamente dinamiche, per questo motivo inizialmente si fatica un pochino a capire la storia, che diventa comunque più coinvolgente andando avanti con la lettura. I disegni sono di altissimo livello evidenziando quindi il grande talento dell’autore.

    Un manga tutto italiano ambientato in un mondo post apocalittico, è consigliato specialmente agli amanti dei generi fantascienza, cyber-punk, distopico.

  11. ludovicamorrone

    Storia distopica perfetta per tutti gli amanti del cyberpunk alla “Blame” di Tsutomu Nihei o “Appleseed” di Masamune Shirow ambientato in un mondo deteriorato, povero e colmo di tecnologia che controlla l’essere e la coscienza di quella piccola percentuale di umani sopravvissuti ad una catastrofe nucleare.

    Come sempre gli artisti italiani, in questo caso un esordiente Luca Maffia, non deludono in quanto a composizione della tavola e stile di disegno: l’uso della china, i dettagli, le prospettive, la caratterizzazione dei personaggi, nulla è lasciato al caso e tutto è pensato al minimo dettaglio.

    Mi dispiace che questa mini-serie sia composta di soli due volumi perché avrei sicuramente gradito una lettura più approfondita delle avventure del mondo di Aethernal.

    Questo primo volume si è fatto leggere velocemente e col fiato sospeso in ogni momento.
    Per quanto possa essere banale, io già sono affascinata da un personaggio in particolare e non vedo l’ora di sapere come continua la storia per sapere che risvolti ci saranno.

    Uno shōnen davvero originale, lo definirei “una chicca di nicchia”, una piccola perla da recuperare nella propria collezione per chi amante del genere anche perché, come sempre, le costine UpperComics si distinguono per colori nella libreria ed è un piacere anche per gli occhi!!!

  12. emsyshockingpinks

    Mi piacciono i manga, mi piacciono gli shonen, mi è piaciuto il primo volume di Aethernal di Luca Maffia.

    Verità: avevo il blocco del lettore e di cominciare una storia cyberpunk non ne avevo proprio voglia, perché? Perché sapevo che sarebbe stata ricca di dettagli.

    Alla fine mi sbagliavo tantissimo, non sui dettagli, ma sul fatto che poteva non piacermi.
    Amo gli shonen e questo non ha fatto eccezione.
    La storia mi piace molto, già della prime pagine promette di essere complicata e piena d’azione. Siamo dopo il 2340 e gli uomini vivono nelle Arkae, città bunker sotterranee sotto la guida di alcuni funzionari chiamati Patriarchi. Uomini spietati, metà uomini e metà dei, chiunque provi a ribellarsi a questa autorità viene eliminato. La violenza è all’ordine del giorno, le persone ne sono così sature che spesso passa inosservata, o sotto tacito silenzio, nessuno si indigna, nessuno indaga o fa domande. A questo potere si oppongono le Cicale, criminali di vario grado con capacità diversificate.
    Weiss è il nostro giovane protagonista, appena quindici anni e un sacco di cose da mandare giù, un passato difficile, un proposito di vendetta e nuova sconvolgente scoperta.
    Il manga è in bianco e nero, escluse le schede informative sui personaggi che troviamo tra i capitoli.
    La storia è divisa in due volumi, cosa che mi è dispiaciuta, perché adoro comprare serie lunghissime sulle quali struggermi, vedi Naruto, mia croce e delizia. E anche perché credo che Aeternal avesse tutte le carte in regola per poter vantare più di due volumi, tra fantastici scontri, qualche contrattempo, imprevisto, flashback storico (vedi L’attacco dei giganti), si poteva permettere anche un discesa maggiore del lettore nel sistema futuristico delle Arkae.
    Ma va bene così, Luca Maffia alla fine del primo volume ci lascia con un cliffhanger pazzesco che ho dovuto ricontrollare due volte perché non credevo ai miei occhi!
    Non vedo l’ora di scoprire cosa ci riserverà questo giovane autore per il futuro!

  13. alemangacollection

    La vendetta è un espediente narrativo molto utilizzato nei manga, che personalmente adoro, quindi ho facilmente empatizzato con il protagonista, inizialmente impreparato
    rispetto a ciò a cui si trova ad affrontare ma con una volontà di ferro, e con i suoi pensieri.
    Lo stile di disegno è molto particolare,
    riesce a dare la giusta importanza alle scene d’azione e ad evidenziare i personaggi, che hanno storie e caratteri molto realistici per la storia che si sta andando ad affrontare.
    È proprio il mio genere di storia, quasi mi dispiace che siano solo due volumi!
    Anzi, per una storia dalle premesse così complesse, sono molto curiosa di scoprire come si concluderà.

  14. imperonerd

    Weiss è un 15enne rimasto orfano sin da bambino, a causa di una “purga” effettuata dai Patriarchi e che durante un attacco terroristico rivoluzionario manifesta dei poteri particolari che userà per compiere la vendetta personale.

    Una sinossi che non sarà tra le più originali di sempre ma l’influenza di autori come Obata, Q Hayashida, Asano e Nihei è ben chiara, sia dal punto di vista grafico (bello grezzo come piace a noi) che a livello di trama.

    Addirittura, per i nostri gusti, la stessa soundtrack risulta una spanna superiore alle altre 2 che abbiamo ascoltato sul sito ufficiale di Upper Comics.

  15. guyamoschini

    Dopo la quarta apocalisse nucleare, l’umanità vive rinchiusa sottoterra, governata da esseri misteriosi,
    parte umani e parte dèi, i Patriarchi.
    La situazione è chiaramente sfavorevole per gli umani, ma un gruppo di criminali, le “Cicale”, ha un piano per cercare di ribaltare il sistema.
    A collidere violentemente con questo piano è il nostro protagonista, Weiss, appena quindicenne ma pieno zeppo di rancore e desiderio di vendetta contro i Patriarchi, tanto da essere deciso ad affrontarli (quasi) a mani nude.
    Weiss e le Cicale hanno lo stesso obiettivo, ma c’è qualcosa di strano nel ragazzo, nelle sue mani perennemente fasciate: chi è davvero Weiss? Un alleato o un potenziale nemico?

    È la prima volta che leggo un manga cyberpunk e non sapevo bene cosa aspettarmi. La trama e la copertina mi incuriosivano parecchio e non sono rimasta delusa: pur con un pochino di fatica all’inizio per entrare nella complessità della storia, il manga mi è piaciuto veramente tanto. Ha dei personaggi fighissimi, i dialoghi non sono eccessivamente lunghi, e ti permettono di apprezzare i bellissimi disegni, dal tratto sporco al punto giusto.
    Tra citazioni a Banksy e a “Frankenstein jr.”, sono arrivata al colpo di scena finale che mi ha letteralmente lasciata a bocca aperta.
    Sono sicura che il secondo volume sarà ancora più soddisfacente di questo, anche se la storia di Æthernal, secondo me, si sarebbe meritata qualche volume in più.

Aggiungi una recensione