FR33D0M Vol. 1

(4 recensioni dei clienti)

6.90

Anno 3101. Dopo una vita passata nell’opprimente dittatura di Shora, dove la libertà non è che un lontano ricordo, la giovane Aiko scopre che il ciondolo dei suoi genitori nasconde un enorme segreto.
Gli ardenti ideali di Aiko basteranno a soverchiare la tirannia di Synister?
Scopritelo in Fr33d0m, uno shonen Cyberpunk tutto al femminile!

L’ascesa della fenice verso la libertà ha inizio!

Ricordiamo che tutti i prodotti acquistati assieme ad una prevendita, saranno spediti al momento del rilascio della prevendita.

Categorie: ,

Descrizione

Di Ivana Murianni e Rossella Gentile

Data di uscita: 12 Marzo 2019
Genere: CyberPunk/Sci-Fi/Urban Fantasy
Formato: 11.5 x 17.5
184 Pagine

ISBN: 978-88-942052-6-8
Colori: BN/Colore
Costina: 1,2 cm
Copertina: 300 gm lucida
Carta: 120 gm bianca
Rilegatura: Brossura fresata

4 recensioni per FR33D0M Vol. 1

  1. Stefania

    Fr33dom trasuda forza e voglia di libertà. È l’anno 3101 e Aiko, protagonista di questo shonen cyberpunk, è stanca di una vita colma di restrizioni, dittature e catene. La sua voglia di libertà viene ulteriormente motivata da un segreto nascosto nel ciondolo dei suoi genitori. Ho particolarmente apprezzato i disegni, realizzati con cura, che si sono rivelati davvero espressivi e coinvolgenti. Anche la storia è molto interessante e, soprattutto, l’intensità con cui viene evidenziato il valore inestimabile della forza. Decidere di non arrendersi è probabilmente il potere più grande, nonché una sfaccettatura assolutamente reale. Le ambientazioni cyberpunk sposano lo stile manga, creando un’atmosfera decisamente ben riuscita. Trattasi di un primo volume, sono curiosa di scoprire in che modo si evolverà la storia (ho divorato ogni pagina in un battibaleno).

  2. Carolina

    La storia narrata in “Fr33d0m” è ambientata nell’ anno 3101 dove regna una dittatura, che priva gli abitanti di Shora della propria libertà.

    La protagonista è la giovane Aiko, rimasta orfana dei genitori e affidata alle amorevoli cure di Thérèse e Michael, ma non crede al motivo raccontatale riguardo la loro morte. L’unico oggetto che possiede in loro ricordo è una collana con un ciondolo. Aiko è una ragazza forte e determinata e non si arrende ad una vita smorta e priva di stimoli. Le restrizioni imposte le stanno strette e decide di scappare via da casa per cercare di scoprire qualsiasi dettaglio riconducibile alla misteriosa morte dei suoi genitori. Una sera arriva al centro di Shora e si imbatte casualmente in un ragazzino nei guai perché interrogato dalle guardie. Non riesce a starsene nascosta così, istintivamente, decide di uscire allo scoperto per cercare di aiutarlo. Fortunatamente in loro soccorso arrivano due ragazze abili a combattere, Resque ed Eleonore, che fanno parte della resistenza di Shora. Riescono ad eludere le guardie e a scappare e, durante il tragitto, Aiko scoprirà che quelle ragazze sono collegate strettamente alla storia dei suoi genitori. Il destino ha voluto il loro fortuito incontro. Da questo momento Aiko riuscirà a rifarsi una vita, diventando una donna forte. Ottiene la sua libertà tanto agognata e riesce a circondarsi di amici fidati. Finalmente non è più sola e triste, reclusa in una realtà troppo stretta, ma pienamente felice e libera di agire secondo i suoi desideri. Proprio questo è il filo conduttore della storia, la libertà di esprimere le proprie convinzioni e le proprie idee, la libertà di cercare la verità ad ogni costo e li lottare senza mai arrendersi alle difficoltà che la vita ci pone davanti o alle ingiustizie subìte. Ho amato tanto questa storia, con protagoniste delle ragazze forti, tenaci e tanto simpatiche che sono disposte ad aiutarsi a vicenda nelle difficoltà, ognuna con un suo carattere ben distinto, ma legate dallo stesso desiderio di giustizia e dalla voglia di riscatto sociale. Le illustrazioni sono bellissime e parlano da sé, sono un vero capolavoro. Non vedo l’ora di poter leggere il seguito.

  3. Sabrina Pennacchio

    Prima di iniziare la recensione ci tengo a sottolineare quanta minuzia c’è nelle opere della Upper Comics che ci regala inserti a colori nell’albo e anche una colonna sonora per la lettura (io l’ho usata e ha reso tutto più emozionante).
    Ma di cosa parla questo che considero un manga all’italiana?
    Aiko vive nel Settore 84 della Periferia di Shora. Ha un carattere determinato e ribelle e per questo fa sempre preoccupare la coppia che si è presa cura di lei dopo la morte dei suoi genitori.
    Ogni sera, infatti, Aiko esce nonostante il coprifuoco di Synister, per tentare di abbandonare quella che è una vera e propria prigione dove sono schiavizzati, per scoprire cosa si nasconde nel centro di Shora e come sono morti i suoi genitori.
    Quella che si rivela essere la sera delle sere, Aiko nota un ragazzino preso di mira dalle Guardie del Regime e non riuscendo a starsene per le sue, interviene per aiutarlo.
     
    “Ve la siete cercata, bambole!”
    “Peccato che le bambole possano farvi molto male!”
     
    Purtroppo però loro sono troppi e lei è da sola, fortuna vuole che altre due ragazze misteriose si presentano in loro aiuto e dopo una veloce battaglia scappano invitando la nostra protagonista a seguirle.
    Nel luogo dove Aiko arriverà scoprirà la verità del suo passato e imparerà a combattere.
    Non dico altro per non farvi spoiler, poiché essendo un fumetto il testo è anche più breve di un romanzo e lo spoiler poi è assicurato.
    Ho amato i personaggi, molto stile shonen giapponese, seppur a volte abbia trovato il loro modo di agire troppo surreale (ma ci sta data anche la tematica).
    Uno dei personaggi che mi hanno intrigata di più è Professor Markus, ambiguo essere dalla parte dei cattivi e vorrei conoscerlo meglio. Ma si sa che io ho un debole per queste figure.
    I disegni sono molto belli e la retinatura è praticamente quasi assente (mi è sembrato che ci fosse nelle zone grigie), poiché la colorazione è principalmente fatta d’inchiostrazione.
    Alcuni dettagli di trama mi hanno ricordato un po’ le vicende di Hunger Games, con i vari dipartimenti e la voglia di libertà della protagonista che si mette in prima fila per combattere quella tirannia, ma tutto ambientato in un universo tecnologico cyberpunk.
    Insomma: adoro, adoro, adoro!
    Non vedo l’ora di leggere il secondo volume.

  4. Un tè con la Palma

    La protagonista della storia è Aiko una ragazza ribelle che desidera solo la sua libertà in barba a tutte le restrizioni create da una società che desidera avere controllo su tutto. Conosciamo così la famigerata dittatura di Shora e tutti i retroscena leggermente accennati per incuriosire e instillare le prime domande nel lettore. Essendo un cyberpunk, noterete molti aspetti e dettagli dedicati ad una tecnologia molto avanzata e sofisticata che amplifica il contesto di riferimento, perché se non siete stati abbastanza attenti, ci troviamo nel 3101. La stessa Aiko desidera ardentemente ostacolare ogni persona che considera questa prigione la normalità, tanto da attirare l’attenzione di due ragazze apparentemente comuni ma dalle capacità velatamente nascoste. La protagonista sente subito un filo che la conduce verso queste due personalità che avranno l’arduo compito di guidarla verso una realtà difficile da digerire e gestire.

    La vita di Aiko prenderà una piega totalmente diversa da quella che potete solo immaginare, dovrà intraprendere un percorso di addestramento e comprendere tanti aspetti del suo passato, nascosti per il suo bene o per tenerla lontana dal pericolo….lo scopriremo insieme. Avrete modo di conoscere molti componenti della “banda” che comprendono un grande quantitativo di donzelle non indifferente che lancia un messaggio molto chiaro e positivo “le donne hanno tutte le capacità di difendersi e lottare per loro stesse e per altri”, escludendo ogni tipo di stereotipo retrogrado e antiquato. Le stesse battute udibili nei combattimenti, sono un chiaro riferimento alle canoniche frecciatine che tutti i giorni le donne devono sopportare sul posto di lavoro oppure nella vita quotidiana tra un esercizio fisico o una semplice spesa al supermercato. Dover dimostrare di essere capaci e volenterose, mi fa sentire fiera di conoscere la penna di due donne (Ivana Murianni e Rossella Gentile) volenterose di fare la chiara differenza.

    Essendo un fumetto molto dinamico, troverete diversi momenti tra addestramento e lotte che porteranno a galla la vena impacciata di Aiko, spoglia di quel classico bollino della supereroina perfetta e senza tentennamenti. L’umanità della ragazza, dimostra la sua crescita e struttura nella storia. Troverete piacevole anche le prime cottarelle e storie di presentazione di alcuni personaggi chiave, utili per dare dimensione alla dittatura presente. Trovo che lo stile delle autrici ricordi vagamente Ranma ½ amato nella mia adolescenza. Le linee nette e decise, unito all’aspetto “buffo” e impacciato della protagonista, vanno a bracciate con la donna rossa pepe del famoso manga storico.

    Sono piacevolmente colpita dalla carta utilizzata, spessa al punto giusto da non mostrare e “trasferire” le immagini tra le parti, offrendo una lettura piacevole e di pregio. Sono presenti poco attimi a colori che raccontano alcuni aneddoti, non molto di più. Sempre molto apprezzati playlist associati e fan art a tema delle protagoniste con stile diversi in base all’autore. Un volume ben strutturato e dalle ottime basi, essendo di rapida conclusione (comprende solo tre volumi) non dovete aspettare molto per seguire le vicende della ragazza dai capelli blu Aiko. Fateci un pensiero.

Aggiungi una recensione